Qual è il miglior caricabatterie per auto e moto? (aggiornato 2020)

Pubblicato : 13/01/2020 10:00:00
Categorie : Tutte le news di Mestierefaidate

Qual è il miglior caricabatterie per auto e moto? (aggiornato 2020)

Il titolo di questo articolo è volutamente provocatorio. Non parliamo infatti di prodotti innovativi, ma parliamo di un'azienda leader del mercato da decenni e che offre una gamma di prodotti altamente qualificati ma soprattutto adatti a tutte le esigenze e che, naturalmente, della sicurezza e dell'affidabilità fa i suoi cavalli di battaglia.

Ma dunque, quale caricabatterie conviene acquistare? Qual è il miglior dispositivo per auto? E il miglior caricabatterie per moto?

Dopo la premessa, è il momento di svelare (qualora non si fosse ancora capito) di quale azienda stiamo parlando: DECA

Qual è la forza dei prodotti DECA? Sicuramente la certezza di avere a disposizione un caricabatterie per auto in grado di soddisfare ogni tipo di necessità, ma soprattutto avere la possibilità di acquistare un dispositivo (sempre utile) ad un costo molto contenuto.

È possibile dunque acquistare un caricabatterie per auto (o moto) di qualità spendendo poco? La risposta è sì ed è descritta nelle prossime righe.

Prima di proporti alcuni modelli però, ci sembra corretto comprendere quali siano le caratteristiche che un buon caricabatterie deve avere per poter essere considerato affidabile. O comunque quali parametri sia necessario valutare in fase di acquisto.

GUARDA IL NOSTRO CATALOGO DECA

A cosa serve un caricabatterie? E quale scelgo?

La domanda è: mi serve un caricabatterie? Innanzitutto un fattore da considerare è l'utilizzo del tuo autoveicolo (o della tua moto). Se sei abituato a lasciare in garage il tuo mezzo per tempi molto prolungati, è possibile che all'accensione successiva necessiterai di ricaricare la batteria. Ed ecco che entra in gioco il caricabatterie, che ci aiuta a non "restare a piedi". Non è certo l'unica situazione "spiacevole", basti pensare se almeno una volta non abbiamo lasciato le luci accese tutta la notte.

Ok, ma quale caricabatterie scelgo? Vanno considerati due aspetti: l’amperaggio della batteria da ricaricare e la velocità con cui desideri che la ricarica venga effettuata. E non sottovalutare mai la "portabilità" del dispositivo, che dovrai sempre tenere con te.

Scendiamo un po' più nel dettaglio. Come detto, per prima cosa va verificato qual è il tipo di batteria che deve essere ricaricata. Mediamente un'automobile a benzina monta una batteria da 12 V. Quando dovrai scegliere il caricabatteria, sarà opportuno valutare se desideri un modello da utilizzare solo nei casi eccezionali d'emergenza o se invece vuoi, periodicamente, ricaricare completamente la batteria. L'operazione di ricarica periodica, oltre che indispensabile, è anche molto delicata, poiché viene svolta in un lasso di tempo prolungato, mediamente tra le 10 e le 12 ore. E per questo è importante utilizzare un prodotto valido.

Si tenga conto di un aspetto molto importante: i caricabatterie tradizionali, una volta azionati, continuano a caricare la batteria senza "fermarsi", rischiando di danneggiarla. I nuovi modelli intelligenti invece, grazie ad un microchip montato al loro interno, evitano questo sovraccarico e quindi aiutano a mantenere alte le prestazioni della batteria nel tempo.

Quale caricabatteria ho bisogno per la mia automobile (o la mia moto)?

Quello che ti proponiamo è un modello ideale per l'uso hobbistico ma semiprofessionale, intelligente e dal costo contenuto: Il DECA Class 12 A.

 

Perché questo modello? Perché il DECA Class 12 A è da considerarsi il miglior caricabatterie? Innanzitutto perché in sole 8 ore è in grado di completare la ricarica. Come detto prima, mediamente un caricabatterie impiega dalle 10 alle 12 ore.

La potenza di questo caricabatteria è pari a 150 W e permette di selezionare due differenti tensioni, da 12 V (per le auto a benzina più comuni) e da 24 V (ad esempio per un furgone). L'unica pecca è la portabilità, in quanto necessita di una presa di corrente per funzionare.

Perché parliamo di semiprofessionale? Perché se da un lato non è possibile effettuare una serie di misurazioni (come i volt della batteria o la corrente di spunto), soddisfa tranquillamente diverse esigenze ed è molto probabile trovarlo in officine ben strutturate, proprio perché si tratta di un modello versatile e che offre un certo grado di affidabilità.

Inoltre, a dispetto dei suoi "appena" 4kg di peso, è un dispositivo robusto e dotato di prese d’aria laterali che ne facilitano il raffreddamento.

GUARDA IL NOSTRO CATALOGO DECA

Hai bisogno di consigli o vuoi raccontarci le tue esperienze? Commenta l’articolo. E non dimenticare di condividerlo.

©2020 Mestierefaidate

Condividi questo contenuto